Metanavigation

Biblioteca

German Archaeological Institute
Istituto Archeologico Germanico
Via Curtatone, 4 d
00185 Roma

La biblioteca che raccoglie pubblicazioni relative all'archeologia dei paesi mediterranei è aperta a tutti gli studiosi che abbiano conseguito almeno una laurea specialistica o un esame equivalente.

Patrimonio complessivo

Ca. 210.000 volumi, 1895 riviste di cui ca. 1000 correnti. Il fulcro è costituito dall'archeologia dei paesi del Mediterraneo. A partire dalla fondazione dell'Istituto vengono anche raccolti testi di altre discipline afferenti le scienze dell'antichità, come la filologia classica, la storia antica, l'archeologia delle province romane, l'archeologia del vicino oriente e l'egittologia.

Accesso alla biblioteca

L'accesso è consentito agli studiosi che abbiano conseguito almeno una laurea specialistica o un esame equivalente in una delle materie di cui la biblioteca si occupa. La laurea di primo livello o il bachelor non vengono considerati sufficienti. Su richiesta del loro professore, i laureandi possono essere ammessi a frequentare la biblioteca negli ultimi tre mesi prima della consegna della tesi di laurea magistrale.

Sarà possibile l'ingresso anche ad altre persone, su richiesta e previo valutazione da parte della biblioteca, per la consultazione di materiale difficilmente reperibile in altre biblioteche.
Per informazioni sul rilascio della tessera d'ammissione e per scaricare l'apposito modulo si prega di cliccare qui.

Catalogo

Il catalogo online fa parte del catalogo centrale del DAI chiamato "Zentraler Online Katalog (ZENON) DAI". È accessibile all'indirizzo http://opac.dainst.org e contiene le monografie pubblicate dopo il 1995, ca. 80 % delle monografie precedenti e tutte le riviste. La catalogazione retrospettiva dei libri ancora mancati è in corso. Il catalogo ZENON contiene anche tutta la "Bibliografia Archeologica" (già DYABOLA), curata dal DAI a partire dal 1956, con la soggettazione e lo spoglio degli articoli.
Per la consultazione del catalogo in sala lettura sono disponibili alcuni PC. Inoltre, è possibile collegarsi con il proprio computer portatile al wireless-lan dell'Istituto.

Attuale allestimento della biblioteca

Per il periodo del restauro del palazzo del DAI in via Sardegna, la biblioteca è collocata nella sede provvisoria dell'Istituto in via Curtatone 4d, 00185 Roma, dove si trovano le sala di lettura con 64 posti e una parte della raccolta libraria.
Per la pianta della biblioteca in via Curtatone clicca qui.
Per mancanza di spazio, gli altri libri vengono custoditi in un magazzino fuori città, ma è possibile ordinarli in sala lettura con un giorno di anticipo.
Per sapere quali libri si trovano in sede e quali invece sono nel magazzino si prega di cliccare qui.
Per avere informazioni su come ordinare i libri dal magazzino si prega di cliccare qui.

Prestito

Si tratta di una biblioteca di presenza e non è previsto il prestito dei volumi.

Fotocopie e riproduzioni

È possibile fotocopiare a pagamento singoli capitoli di monografie e articoli di riviste rispettando le leggi vigenti del copyright. Alcuni volumi comunque non possono essere fotocopiati per motivi di conservazione. Un tavolo di riproduzione con cavalletto e lampade si trova a disposizione dei lettori che, in alternativa, desiderano fotografare i volumi con la propria macchina fotografica. È vietato l'uso di scanner portatili in sala lettura.

Archivio

Il materiale archiviato documenta la storia delle ricerca e dell'amministrazione dell'Istituto dalla sua fondazione nel 1829 fino ai tempi recenti. In particolare, contiene una ricca raccolta di lettere degli eruditi membri e corrispondenti dell'Istituto dell'800, i lasciti di alcuni direttori e collaboratori e un fondo cospicuo di disegni, lucidi, acquarelli e piante di siti archeologici e oggetti antichi, per lo più eseguiti in Italia. Una parte dei documenti è stata pubblicata nella collana "Das Deutsche Archäologische Institut, Geschichte und Dokumente". L'archivio si trova attualmente nel magazzino fuori Roma. L'accesso è possibile previo autorizzazione da parte della direzione della biblioteca.

Prestito

Non è previsto il prestito di volumi.

Further Information

telefono

-

fax
+39-06-4884973
E-Mail:
E-Mail (Administration):

Opening Hours

Lunedì - venerdì, ore 9.30 - 18.30

Chiusura estiva 2013: La biblioteca rimarrà chiusa dal 8 luglio al 30 agosto.

The content is filtered by:

Calendario

<  
L M M G V S D
 
1
  • Gio, 03/20/2014 - 10:00 - Sab, 09/20/2014 - 15:00

    Ausstellung / Exposición Blick Mira!

    more information

  • Mar, 04/01/2014 - 11:33 - Ven, 04/04/2014 - 11:33

    The Horn of Africa in ancient times: phenomena of interregional contacts

    more information

 
2
  • Mar, 04/01/2014 - 11:33 - Ven, 04/04/2014 - 11:33

    The Horn of Africa in ancient times: phenomena of interregional contacts

    more information

 
3
  • Mar, 04/01/2014 - 11:33 - Ven, 04/04/2014 - 11:33

    The Horn of Africa in ancient times: phenomena of interregional contacts

    more information

  • Gio, 04/03/2014 - 16:00 - Gio, 04/03/2014 - 18:00

    Lecture: Katja Piesker - Neues vom Göbekli Tepe. Zur Um-Baugeschichte der Anlage C und E

    more information

  • Gio, 04/03/2014 - 17:00 - Gio, 04/03/2014 - 20:00

    Vortragsreihe am Donnerstag: Phönizische-punische Forschungen des CEFyP / ciclo de conferencias: los jueves feniciopúnicos del CEFyP

    more information

 
4
  • Mar, 04/01/2014 - 11:33 - Ven, 04/04/2014 - 11:33

    The Horn of Africa in ancient times: phenomena of interregional contacts

    more information

 
5
 
6
 
7
  • Lun, 04/07/2014 - 18:00 - Mar, 04/08/2014 - 16:00

    Kolloquium aus Anlass des 100jährigen Jubiläums der Ausgrabungen des Deutschen Archäologischen Instituts in Athen

    more information

 
8
  • Lun, 04/07/2014 - 18:00 - Mar, 04/08/2014 - 16:00

    Kolloquium aus Anlass des 100jährigen Jubiläums der Ausgrabungen des Deutschen Archäologischen Instituts in Athen

    more information

 
9
  • Mer, 04/09/2014 - 16:00 - Mer, 04/09/2014 - 17:30

    ΑΙΓΕΙΡΟΣ Vortragsreihe am Deutschen Archäologischen Institut Athen

    more information

  • Mer, 04/09/2014 - 16:00

    SYRIEN – eine bedrohte Kulturlandschaft

    more information

 
10
 
11
  • Ven, 04/11/2014 - 13:37

    München/Vortrag: Teresa Morgan (Oxford)

    more information

 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
  • Mer, 04/16/2014 - 16:00

    SYRIEN – eine bedrohte Kulturlandschaft

    more information

 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
  • Mer, 04/23/2014 - 16:00 - Mer, 04/23/2014 - 18:00

    SYRIEN – eine bedrohte Kulturlandschaft

    more information

 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
  • Mar, 04/29/2014 - 16:00

    Griechen, Thraker und Römer in Bulgarien. Die archäologischen und kulturhistorischen Schätze des Landes

    more information

 
30
  • Mer, 04/30/2014 - 16:00 - Mer, 04/30/2014 - 18:00

    SYRIEN – eine bedrohte Kulturlandschaft

    more information

 
 
 
 
 

Recent projects

  • 06.02.2013

    L’antichità in disegni, piante, rilievi: Materiali di documentazione primaria del XIX e XX secolo dell’Istituto Archeologico Germanico di Roma leggi tutto

Completed projects

  • 04.02.2013

    Die Städte Latiums - Stadtbefestigungen und die Organisation räumlicher Ordnungen vom 8.-3. Jh. v. Chr. leggi tutto

  • 21.11.2012

    Italische Kulturen vom 7. bis 3. Jh. v.Chr. leggi tutto

  • 31.05.2011

    Italische Kulturen vom 7. bis 3. Jh. v.Chr. leggi tutto

Recent publications

  • 20.03.2014

    Palilia 28 - J. Lipps, C. Machado, Ph. von Rummel, The Sack of Rome in 410 AD. The Event, its Context and its Impact (2013) leggi tutto

  • 20.03.2014

    Sonderschriften des DAI Rom 16 - Markus Wolf, Die Agora von Solunt. Öffentliche Gebäude und öffentliche Räume des Hellenismus im griechischen Westen (2013) leggi tutto

  • 30.01.2014

    Römische Mitteilungen 119, 2013 leggi tutto

Contact

The German Archaeological Institute (DAI) is a »scientific corporation« of the Federal Institution under the auspices of the Foreign Office. The staff of the Institute carries out research in the area of archaeology and in related fields and maintains relations with international scholars.
Furthermore, it organizes congresses, colloquia and tours, and informs the public through the media about its work.  

contact form